sabato 20 ottobre 2012

Vari tipi di stoffe

STOFFE
Esistono moltissimi tipi di tessuti, diversi a seconda del tipo di fibra che li compone (di origine vegetale, animale, sintetica, ecc...) e dalla trama. Nel cucito creativo si può usare qualsiasi tipo di stoffa, a seconda dell'uso predestinato. 

Ci sono, tuttavia, alcuni tipi di tessuti che vengono usati più frequentemente.



COTONE
Il classico tessuto di cotone è sicuramente il più utilizzato nel cucito creativo, versatile e facile da trovare anche tra gli scampoli. Può essere leggerissimo o pesante, più o meno robusto. Ideale anche per la creazione di accessori, come borse e portamonete. Può essere monocromatico o con diverse fantasie, le più comuni sono fantasie floreali, pois, righe...

COTONINE AMERICANE e GIAPPONESI
Tessuti composti da cotone 100%, a volte flanellati, resistenti e spessi a seconda della qualità. Vengono usati particolarmente nel patchwork e nel quilting, perchè non stingono e non si ritirano. Possono essere stampati o dipinti a mano. Sono ricchi di fantasie particolari anche a tema (es: festività in genere, bambini, animali, ecc...)

MUSSOLA o MUSLIN
Tessuto leggero e morbido, quasi trasparente, puo' essere di seta, cotone o lana. Il più usato nel cucito creativo è quello di 
cotone, utilizzato spesso per la confezione di pupazzi, in particolare per creare viso o parti del viso e arti. Può essere colorato usando del fard per evidenziare alcune caratteristiche, come le gote.

LINO
Usato soprattutto nella realizzazione di oggetti stile Tilda, può essere più o meno pesante, solitamente monocromatico.

PANNO LANA
Tessuto di lana leggero e morbido, che viene follato per renderlo impermeabile. Può essere usato al naturale o infeltrito nella lavatrice prima di essere cucito per ottenere un panno di lana cotta. Usato spesso per confezionare accessori da indossare, come ciabatte, spille, ecc... esiste in diverse colorazioni.

LANA COTTA
Per ottenerla si parte dalla lana filata e si confezionano capi di abbigliamento in genere con i ferri e ad uncinetto e poi si 
infeltrisce con una tecnica chiamata follatura. Banalmente la lana cotta è quello che risulta da un lavaggio sbagliato di un 
capo in lana quando le fibre si compattano e il capo si restringe in maniera irreversibile. Infatti volendo usare questa tecnica occorre realizzare il manufatto ai ferri o all'uncinetto a maglia larga e di misura almeno doppia di quella che si vuole ottenere come prodotto finale e fargli fare una giratina in lavatrice a temperatura alta. La lana cotta acquistata a metraggio è più compatta e può essere sintetica, quella fatta in casa è più morbida e “calda”.(ET)

FELTRO INDUSTRIALE
Si trova in commercio in diversi spessori, qualche anno fa i colori erano abbastanza limitati perché di solito è usato in campo edilizio o per altri scopi industriali (tipo filtri per depuratori ecc.).
Comunque ultimamente si trovano in commercio pannelli di feltro di diversi spessori e colori, addirittura pannelli di feltro fatti a mano coloratissimi. (ET)

PANNOLENCI
Stoffa colorata, morbida, resistente e leggera. Ha le caratteristiche di essere caldo, leggero, sottile e di non sfilare quando viene tagliato. Non avendo trama o ordito non tende a disfarsi e non ha bisogno, quindi, di orli o cuciture di finitura. Molto usato per diversi scopi, come rivestire agende, creare pupazzi, portaoggetti, ecc...

Nessun commento:

Posta un commento